Secondo le disposizioni della Direttiva europea 20-20-20 l’Italia dovrebbe, entro il 2020, ridurre del 20% le emissioni di gas serra, produrre il 20% dell’energia da fonti rinnovabili e migliorare del 20% l’efficienza energetica. I primi due punti sono già stati affrontati, mentre per il terzo i passi da compiere sono ancora tanti! Le principali azioni di intervento per il miglioramento dell’efficienza energetica sono state indirizzate, fino ad ora, alla riqualificazione degli edifici (ad esempio lavorando sulle strutture portanti o sulla sostituzione degli infissi).

Non tutti sanno però che l’evoluzione tecnologica, in particolare con i sistemi IoT wireless, può aiutare ad ottimizzare i consumi tramite attività di Smart Metering.

Con il termine smart metering si intende un sistema centralizzato ed automatizzato di misurazione elettronica dei consumi di elettricità, acqua e gas grazie all’utilizzo di sensori/dispositivi intelligenti. Realizzare un sistema di questo tipo significa creare una rete intelligente che consente di massimizzare le prestazioni di misura, realizzare efficienza energetica e garantire vantaggi per i consumatori finali.

Un sistema di smart metering si compone di:

– Sensori e dispositivi intelligenti che forniscono misure precise ed affidabili;

– Una rete di comunicazione intelligente IoT;

– Un sistema centrale intelligente in grado di raccogliere le informazioni provenienti dai sensori, di validarle e di attivare i processi informatizzati di controllo delle utenze.

Lo smart metering rappresenta una modernizzazione del Paese aprendo il mercato alle nuove tecnologie e offrendo a tutti gli attori della filiera i vantaggi che ne derivano. L’approccio al controllo dei consumi sta quindi progressivamente cambiando: sta maturando la consapevolezza che una buona gestione energetica, oltre ad fornire informazioni fondamentali, può far risparmiare notevoli somme di denaro.

Con un unico sistema è possibile tenere sotto controllo tutti i vettori energetici (energia elettrica, acqua, gas), i parametri ambientali (temperatura, umidità, luminosità, CO2) e quelli di processo (aria compressa, calorie, livello, stato); è possibile automatizzare la gestione di accensioni o spegnimenti, regolazioni automatiche ed allarmi per raggiungere l’obiettivo finale: ridurre i costi raggiungendo l’efficienza energetica!